AML LAB

Entra a far parte del nostra associazione >

Le incombenze e i dubbi di un soggetto nazionale che vende determinati beni a turisti extraUE, S.E. E. o UE

Strumenti Finanziari e Fiscalità – Edizioni Egea – Uni Bocconi
In questo breve scritto andremo ad esaminare le varie incombenze che gravano su un soggetto nazionale che vende determinati beni a turisti extra-UE, S.E.E. o Ue. Nello specifico, vedremo gli acquisti in contanti effettuati da turisti UE ed extra-UE, alla luce delle modifiche apportate dal comma 245, art. 1 della Legge n. 145, che ha innalzato il limite all’uso del contante da € 10.000 ad € 15.000 e, gli acquisti effettuati da soggetti domiciliati o residenti fuori dalla Comunità europea disciplinati dall’art. 38-quater del D.P.R. n. 633/1972 con i relativi obblighi a cui il cedente dovrà sottostare affinché tali procedure possano andare a buon fine. Inoltre, per quanto riguarda la prima condotta, si faranno alcune valutazione in merito al fatto che la medesima possa entrare in contrasto o meno con il regolamento (CE) n. 1889/2005, abrogato dal Regolamento (UE) n. 2018/1672, “relativo ai controlli sul denaro contante in entrata o in uscita dall’Unione”, che aveva introdotto l’obbligo per i viaggiatori in entrata o in uscita dalla stessa, che trasportano una somma uguale o superiore ad € 10.000 in contanti, di effettuare una dichiarazione alle autorità doganali. Infine, lo scrivente, farà alcune considerazione sul fatto che i sopra citati acquisti potrebbero essere effettuati con le cripto-valute che, seppur siano tracciabili in senso informatico in quanto vengono tutte registrate nella blockchain, non consentono, comunque, la puntuale identificazione dei soggetti che pongono in essere le operazioni.
Continua per leggere

Altri articoli recenti

Dialogo e confronto